Piani di cottura portatili: cosa considerare per la scelta? Info modelli, caratteristiche, prezzi

I piani cottura portatili sono ciò che chi ha poco spazio o una seconda casa cerca per semplificare tutta la gestione della propria abitazione. Metti caso tu abbia un’abitazione con spazi ristretti, con pochi piani di appoggio, un piano cottura portatile ti permette di riporlo in un qualunque momento in modo tal da poter utilizzare il piano di appoggio come negli si crede possibile.

Piani cottura portatili: i più comuni

Quante tipologia di piani cottura conosci? Scopriamolo insieme:

  • a gas: dei classicissimi fornelli da capeggio. In genere sono utilizzati all’aperto. Sono quelli che spesso vedi utilizzare ai camperesti. Si tratta di piani cottura non usuali che possono essere utili a chi appunto, ama le vacanze all’aria aperta. Quelli di dimensioni maggiori, possono avere anche 3 piastre e possono essere una soluzione per le case di campagna
  • elettrici: il loro utilizzo sta diventando sempre meno comune, per via dell’alto consumo elettrico che richiedono. Generalmente sono una sorta di salvagente nel caso in cui per un qualunque motivo il piano cottura che viene solitamente utilizzato non possa servire per la preparazione del pasto. Possono essere con 1 sola piastra o a due piastre, ma anche a 3. Senza dubbio molto comodi
  • vetroceramica: spesso se ne trovano in offerta anche in note catene di supermercati. Spesso anche essi vengono utilizzati come soluzione di emergenza, ma non mancano i casi in cui sono usati all’interno di attività commerciali per implementare la propria produzione
  • a induzione: i piani cottura portatili più utilizzati sono proprio questi ad induzione. Queste piastre godono delle stesse caratteristiche dei classici piani cottura ad induzione, quindi si caldano solo al di sotto del tegame, sono in grado di cuocere in maniera estremamente veloce. Si tratta di piani cottura perfetti sia per chi non ha molto spazio in cucina, in quanto possono essere puliti facilmente e riposti all’interno di un mobile, sia per creare due zone di cottura. Non mancano poi i casi in cui si scelgono i piani cottura portatili a induzione anche all’interno di locali come bar e ristoranti, per effettuare cotture veloce e quindi dare sprint al proprio lavoro o potersi permettere di offrire al cliente un prodotto differente.

I vantaggi dei piani cottura portatili

Ma perché a un certo punto questa tipologia di piani cottura ha iniziato a prendersi una buona fetta di mercato sia a livello domestico che professionale? Semplice, perché a seconda della tipologia di piano cottura che si decide di acquistare sono molti i vantaggi che se ne possono ricavare.

Il primo che in genere, chi acquista questa tipologia di prodotto sottolinea è quello di permettere lo speco di poco spazio. Insomma questi piani cottura portatili, occupano poco spazio, sia quando posizionati su un piano per l’utilizzo, sia quando si ripongono all’interno di un mobile o di un ripostiglio.

Altro vantaggio è la semplicità di pulizia. Un piano cottura portatile può essere pulito in ogni singola parte e quelli che sono estremamente semplici da igenizzare sono quelli in vetroceramica e a induzione. Un solo panno umido per pulire tutta la superficie, che tra l’altro si fredda in poco tempo, ma anche il corpo della piastra.

Infine il costo, sì, perché è possibile acquistare un prodotto di questo tipo spendendo veramente poche decine di euro e in questa maniera si ha una valida alternativa al proprio piano cottura standard. Per quel che riguarda i migliori prodotti sul mercato, potrai trovarne diversi esempi se continuerai a seguirci in questa nostra breve guida.

Un utilizzo professionale

Facciamo prima di tutto chiarezza. Sì, è possibile utilizzare i piani cottura portatili anche a livello professionale. Non sono pochi i ristoranti che affiancano una piastra a induzione ai classici fornelli, perché spesso può essere il modo per servire i propri clienti in maniera veloce. I ristoranti di piccole dimensioni hanno delle piastre a induzione per il pentolone dell’acqua, risparmiando il posto di un bollitore, costoso ed ingombrante.

Senza considerare poi i bar e le tavole calde che con una semplice piastra sono in grado di offrire al cliente un prodotto differenziato e si sa quanto questo sia indispensabile per avere successo.

Non ci sono dubbi nel consigliare a livello professionale le piastre portatili ad induzione. Innanzitutto perché sembrano essere più sicure, ma anche perché sono estremamente veloci nella cottura dei cibi. Si calcola che si abbattono i tempi di preparazione di circa 5/7 minuti, che non è poco. Infine i piani portatili a induzione sono semplici da pulire e nel frenetico lavoro di un locale, questo si rivela veramente indispensabile.

I prezzi

I piani cottura portatili non solo sono estremamente semplici da utilizzare, da pulire ed eventualmente da riporre. Ma sono anche economici. Potrai trovare il piano cottura che fa per te anche utilizzando poche decine di euro. Ovvio che prezzi diversi sono quelli dei piani cottura portatili professionali.

Nata a Torre del Greco in provincia di Napoli il 24 settembre 1990, dopo il diploma al Liceo delle Scienze sociali la mia istruzione ha subito una virata verso la Facoltà di Economia, che ho abbandonato a 6 esami dalla laurea, ma che prima o poi finirò. Amante della scrittura e della lettura, ho intrapreso la mia carriera da Copywriter quando aspettavo il mio gioiello Lorenzo Maria e da allora non ho fatto altro che studiare e migliorare nel mio campo.

Back to top
menu
miglioripianicottura.it